WebMail

20 Febbraio 2018 - 20:48

home cronaca sport sport g. giornali economia cultura messaggi links
Google
26/08/2010 homepage  
Montegridolfo
Rievocazione storica della liberazione di Montegridolfo
Il 29 agosto, a partire dalle ore 9,00, nel piccolo borgo medievale di Montegridolfo verrà ricordata la liberazione dal nazi-fascismo con l’organizzazione di una caccia altesoro per adulti e bambini ambientata al tempo di guerra.


Sul confine tra Romagna e Marche sorge un piccolo borgo medievale riminese : Montegridolfo.
Il paesaggio è gradevole e per arrivare al paese c'è lo spettacolo delle morbide colline della Valconca che dominano la costa :ma la vera sorpresa è all'entrata del castello.
Una bella porta ad arco sovrastata da una torre introduce all'interno del borgo fortificato che ha mantenuto meravigliosamente intatta la sua antica struttura urbanistica. All'interno del borgo, la piccola piazza e le strette viuzze sono introdotte dalla porta ad arco sulla quale s'innalza la torre con l'orologio.
La prima data certa su Montegridolfo risale al 1148, anno in cui apparteneva all'Abbazia di S. Pietro di Rimini. Il castello fu conteso dai Malatesta e dai Montefeltro, fu teatro di numerosi scontri tra le due famiglie dal quale ne rimase danneggiato. Riuscì comunque a riconquistare l'antico splendore grazie al lavoro dei Malatesta che ne ebbero il dominio fino al 1500.
Dal 1860 il plebiscito lo unì al Regno di Sardegna. La chiesa di S. Rocco, situata ai piedi della cinta muraria, la quale ci mostra una tela del Cagnacci, (raffigurante i Santi Rocco, Sebastiano e Giacinto, dipinta intorno al 1636); la Chiesa di S. Pietro, ricostruita recentemente su una romanica conservante un' affresco risalente al '300 e il Santuario della Beata Vergine delle Grazie sito in frazione Trebbio, sono la conferma di un'antica tradizione cattolica evidenziata tuttora dalle numerose manifestazioni a carattere religioso.

Da vedere

IL BORGO
L'impianto urbanistico è rimasto quello medioevale, il terrapieno è circondato da forti mura fiancheggiate da torrioni, all'interno si sviluppa l'intero borgo fatto di viuzze su cui si affacciano gli edifici principali e le casupole. Il Palazzo del Municipio è proprio attaccato alla porta di ingresso, l'altro edificio notevole è Palazzo Viviani che sorge sui resti della rocca, tutto il centro storico restituisce l'immagine precisa del piccolo castello che ha saputo conservarsi ed adattarsi con armonia nel corso di diversi secoli. Segnaliamo anche la veduta panoramica che dalle mura si ha della costa pesarese, riminese e della bassa vallata del fiume Foglia.

MUSEO DELLA LINEA DEI GOTI 1943-44 tel. 0541 855320 In estate è aperto sabato mattina e domenica pomeriggio, in inverno è aperto domenica pomeriggio. Espone cimeli e armi della battaglia combattuta nel 1944 tra Alleati e Tedeschi sulla linea difensiva detta in origine Linea dei Goti; questa era stata allestita su ordine di Hitler lungo la fascia sinistra del fiume Foglia, coinvolgendo Montegridolfo; una sezione dedicata ai giornali e stampati di propaganda del periodo 1943 - 45 su prenotazione visite guidate ai rifugi.

Numeri Utili
Abitanti: 1031 - Superficie/Area: 6,79 Knn
Fascia altimetrica: 57 - 340 C.A.P.: 47837
Municipio: Viale Roma, 2 -Tel.0541.855054
Pro Loco: Piazza Matteotti - Tel. 0541.855054
Vigili Urbani: Tel. 0541 .857790
Ufficio Postale: Via Roma, 2 - Tel.0541.855026
Biblioteca: Via 1° maggio, 2
Parrocchia Beata vergine delle Grazie - Trebbio
Tel. 0541.855031
Mercato Settimanale:
Trebbio di Montegridolfo: Martedì

(Notizie tratte dall’opuscolo “Tra mare & colline 2010”, Provincia di Rimini)

Fonte:
 

Torna alle news della categoria "homepage"
Torna alla pagina delle news

Siti Web personalizzati di Euweb.it