WebMail

18 Agosto 2018 - 10:51

home cronaca sport sport g. giornali economia cultura messaggi links
Google
12/01/2011 homepage  
Aperto il dibattito sul Comune Unico a tre con l'intervento dell'Assessore Urbano Urbinati.
Dopo la pubblicazione dell’articolo “E se cominciassimo a fare il Comune Unico in tre?” di Alberto Cudini, sono arrivati in redazione i primi commenti sia telefonicamente sia via mail.
Riteniamo che questo sia un fatto importante in quanto l’annosa questione non deve essere lasciata cadere né dai semplici cittadini, né dalle forze politiche e sociali che operano nel territorio dell’Unione dei Comuni di Pian del Bruscolo o che, in passato, hanno dimostrato di credere nella realizzazione della Città Futura.
Come primo commento, riportiamo quanto l’Assessore allo Sport e Tempo Libero del Comune di Sant’Angelo in Lizzola, Urbano Urbinati, ci ha inviato:

“Caro Alberto, è difficile non essere d’accordo con te, con la tua analisi,con la tua ricostruzione dei fatti che hanno portato alla nascita dell’unione,con la tua proposta,quindi, di creare un comune unico con chi ci sta. E’ vero che l’unione procede lentamente ed a vista, è vero che disparità di vedute esistono, che tutte le negatività vengono amplificate da una serie di tagli ai bilanci dei comuni che formano l’unione, letteralmente senza precedenti ma è anche vero che certi traguardi sono stati raggiunti e le cose che si sono fatte funzionano, scuole, impianti sportivi,sportello unico,commercio, polizia municipale. Certamente è auspicabile che si possano aggiungere nuovi obiettivi, tu parli di ufficio tecnico unificato, si potrebbero aggiungere i servizi sociali e via di seguito ma non possiamo pretendere che tutti la si pensi allo stesso modo.
Per noi militanti socialisti, da sempre scopertamente (Gattoni Stefano e tu in testa) pro unione, con speranza di confluire in un importante e bel comune unito, certi ragionamenti campanilistici e di opportunità non sono comprensibili; bisogna però, secondo me, capire chi (a destra ed a sinistra) non è convinto della bontà di andare “troppo avanti”e pensa, quindi, di andare più lentamente di altri.
Quello che manca, sempre secondo me, è una verifica. Una verifica che coinvolga direttamente i cittadini e che impegni chi di dovere, amministratori e dirigenti politici, a tenere in considerazione la volontà popolare qualunque essa sia.
Auspico quindi la nascita di un movimento allo scopo di ottenere una consultazione popolare con tema l’unificazione dei comuni che attualmente formano l’Unione del Pian del Bruscolo.
Urbano Urbinati”


Fonte:
 

Torna alle news della categoria "homepage"
Torna alla pagina delle news

Siti Web personalizzati di Euweb.it