WebMail

24 Febbraio 2018 - 20:42

home cronaca sport sport g. giornali economia cultura messaggi links
Google
24/01/2011 homepage  
27 Gennaio: Giornata della memoria
La legge sul “Giorno della memoria”, votata all’unanimità dalla Camera dei Deputati nel 1999, è diventata legge della Repubblica il primo luglio 2000. Ricorda l’abbattimento dei cancelli di Auschwitz avvenuto il 27 gennaio 1945 e vuole essere una giornata dedicata al ricordo delle vittime della Shoah.
Da allora ogni anno in tutta Italia si svolgono manifestazioni di vario genere e per quanto riguarda la nostra Provincia l’ Istituto di Storia Contemporanea della Provincia di Pesaro e Urbino,in collaborazione con
Regione Marche: Presidenza del Consiglio Regionale
Provincia di Pesaro: Assessorato alla cultura
Comune di Pesaro: Assessorato alla cultura
Biblioteca-Archivio «Bobbato»: Pesaro
organizza una serie di iniziative che vanno sotto il nome di Memorie:la creatività oltre il dolore.

Il calendario delle manifestazioni prevede:

1) CHARLOTTE SALOMON/ DALL'ARTE AL RACCONTO DI UNA VITA
Conferenza per la cittadinanza
giovedì 27 gennaio ore 16.30/ Sala Provinciale «A. Bei», Pesaro
Saluto delle Autorità:
Vittoriano Solazzi, Presidente Consiglio Regionale
Davide Rossi, Assessore Provinciale alla Cultura
interverrà il rappresentante della Comunità ebraica di Pesaro

ore 17,00
Paride Dobloni, storico ISCOP, «Da Berlino ad Auschwitz: appunti per comprendere la shoah tedesca»
Bruno Pedretti, scrittore e saggista, «Arte e destino: l'autobiografia di Charlotte Salomon»
Sara Bartolucci, critica dell'arte, «Charlotte Salomon: una partitura di immagini e parole»
coordina Luca Gorgolini, Direttore ISCOP
al termine della conferemo è possibile visitare la mostra di Charlotte Salomon e la Sinagoga aperte per l'occasione al pubblico

Charlotte Salomon (Berlinol917- Auschwitz 1943) ebrea deportata ad Auschwitz nel 1943, ha dipinto 780 fogli in cui racconta la sua vita drammatica, costellata di tragici lutti e condizionata dalle leggi razziali e dalla persecuzione. Attraverso un
percorso artistico di pittura, scrittura e musica, racconta la sua vita in tante piccole "gouache" ognuna delle quali rappresenta un giorno vissuto. Ogni foglio dà vita al dispiegarsi del dramma personale della ragazza che si confonde col dramma universale di ogni ebreo. Il titolo che Charlotte sceglie per la sua opera è Leben? Oder Theater? (Vita? O teatro?) e rappresenta una forma di resistenza alla dissoluzione e alla distruzione che la circondano, un atto creativo e un indagine attenta sul significato della vita.

I niziative didattiche: mostra, laboratorio, visita alla Sinagoga
24-28 gennaio ore 8,30-13,00

Sinagoga, via delle Scuole 23, Pesaro
L. Castrucci, percorso guidato nei luoghi della tradizione ebraica Chiesa della Maddalena, via L. Zacconi, Pesaro
D. Giulietti, M. Palazzi, G. Venerucci: laboratorio e visita guidata alla mostra di Charlotte Salomon
(50 gouache in esposizione: Berlino 1917-Auschwitz 1943)


2) L'INTERNAMENTO DEGLI EBREI IN PROVINCIA DI PESARO/
IL CASO DI PIAN DI MELETO

presentazione del libro e proiezione fotografica
Giovedì 27 gennaio ore 21,00/ Sala del Trono, Castello Conti Oliva, Piandimeleto (Pesaro)
saluto delle Autorità
Vittoriano Solazzi, Presidente Consiglio Regionale
Davide Rossi, Assessore Provinciale alla Cultura
Riccardo Nonni, Sindaco di Piandimeleto

presentazione del volume: Con foglio di via. Storie di internamento in Alto Valmarecchia,1940-1944

introduzione storica: Paolo Moretti, Vice Pres. ISCOP

intervento degli autori: Lidia Maggioli e Antonio Mazzoni


L'INTERNAMENTO DEGLI EBREI IN PROVINCIA DI PESARO
IL CASO DI PIAN DI MELETO

La contestualizzazione delle politiche e della prassi di internamento all'interno del territorio marchigiano, sono descritte nell'opera Con foglio di via. Storie di internamento in Alta Valmarecchia 1940-1944. La ricerca, condotta dagli autori Lidia
Maggioli e Antonio Mazzoni, permette di chiarire la vicenda biografica dei venti individui di religione ebraica internati nei Comuni di Pennabilli, San Leo e Sant'Agata Feltria. Attraverso la ricostruzione delle singole biografie, sono descritti i grandi "eventi" della storia. Ne emerge un quadro ricco e articolato che definisce i vari livelli di responsabilità, i meccanismi normativi e organizzativi che resero possibili quelle pratiche persecutorie non prive di conseguenze tragiche. Dalla ricostruzione
delle storie famigliari, nel doloroso contesto della persecuzione razziale,
emerge la tragica realtà della deportazione. Il quadro che ne esce - nella sua intensa ferocia e disumanità - non potrà non toccare profondamente il lettore.


3) LORENZA MAZZETTI/ L'INFANZIA NARRATA TRA TESTO E CINEMA
Incontro con l'autrice e proiezione del film
mercoledì 16 febbraio ore 16.30/ Cinema Astra, Pesaro
ore 16,30 saluto delle autorità
Vittoriano Solazzi, Presidente Consiglio Regionale
Davide Rossi, Assessore Provinciale alla Cultura
Luca Gorgolini, Direttore ISCOP

ore 17,00 testimonianza di L. Mazzetti, scrittrice regista pittrice e autrice di Il cielo cade
coordina Anna P. Moretti, responsabile gruppo di ricerca ISCOP «Storia e memorie femminili»

ore 17,45 visione di «II cielo cade»,
introduce P. Paolo Loffreda, critico cinematografico
visione del film in presenza dell'autrice

LORENZA MAZZETTI
L'INFANZIA NARRATA TRA TESTO E CINEMA

Scrittrice e regista nata a Roma dove attualmente vive e gestisce il Puppett Theatre: teatro per bambini a Campo de' Fiori. Rimasta orfana dei genitori molto presto, fu cresciuta dai suoi zii Nina e Robert Einstein famiglia toscana di origine ebraica. Il 3 agosto 1944 le SS naziste uccisero sua zia e due sue cugine nella nota strage di Rignano. Suo zio, Robert Einstein, si suicidò l'anno successivo. Negli anni '50 la Mazzetti si trasferì a Londra, dove studiò alla Slade School of Art. Nel 1959 si
trasferì a Roma, dove iniziò a lavorare per la Rai. Collaborò con Cesare Zavattini nella realizzazione dei film «Le italiane e l'amore» (1961) e «I misteri di Roma» (1962). Nel 1961 pubblicò la sua opera principale, II cielo cade,che racconta la sua tragica infanzia. Il romanzo venne portato sullo schermo nel 2000 nel film omonimo diretto da Andrea e Antonio Frazzi con Isabella Rossellini.

Per informazioni Donatella Giulietti, responsabile Didattica ISCOP

ISCOP Istituto di Storia Contemporanea della Provincia di Pesaro e Urbino
Presso Biblioteca “Bobbato” (Centro Commerciale Miralfiori)
Tel: 0721451550
www.bobbatoit
istoriaepesaro@provincia.ps.it

Per approfondimenti sulla questione della Shoah vedi
www.lager.it

Fonte:
 

Torna alle news della categoria "homepage"
Torna alla pagina delle news

Siti Web personalizzati di Euweb.it