WebMail

19 Ottobre 2018 - 04:27

home cronaca sport sport g. giornali economia cultura messaggi links
Google
28/06/2011 homepage  
Giovedi 23 giugno
D'Anna contro l'ospedale unico "contribuisce a spopolare l'entroterra, la città metropolitana (Pesaro-Fano) diventerà un mostro", rivolto ai consiglieri del PDL, "fate una mozione per il distretto"

Giovedi 23 giugno assemblea pubblica del PDL nella nuova sala dell'Unione di Pian del Bruscolo sul tema della sanità ed in particolare del distretto di Montecchio con una discreta partecipazione di pubblico.. Sul tavolo della presidenza i consiglieri PDL dell'Unione, Pedini, Pieri, Lucarini Vagnini e del consigliere regionale D'Anna. I temi introdotti dai relatori sono stati:
- impotanza del distretto sanitario
- ritardo nelle prenotazioni delle visite
- costi sanitari l'80% del bilancio regionale
Il Consigliere Regionale D'Anna ha poi illustrato il piano sanitario regionale, basato sulle zone vaste che corrispondono alle province e che prevede un unico Ospedale Marche Nord.
Questa scelta comporterà 180 posti letto in meno nella nostra provincia inoltre un ospedale unico comporterà uno spostamento della popolazione dall'interno della provincia verso la costa. Le scelte secondo D'Anna sono già state effettuate con la determina dirigenziale 240 della Regione che nella sostanza in maniera vincolante anticipa il piano sanitario. I Contenuti importanti del piano sono che l'alta specialità si farà solo in Ancona, per Pesaro e Urbino una unica realtà gestionale di area vasta. Un fatto molto grave è che i sindaci della nostra provincia non si sono fatti sentire. Le sinistre si lamentano per i tagli o meglio mancati incrementi per 40 milioni che corrisponde all'1,5 per cento circa della spesa regionale. Il consigliere ha poi proseguito dichiarando che il piano favorisce esclusivamente Ancona. Altra scelta sbagliata è quella del CUP unico, fatto per eliminare le liste di attesa e che è costato 13 milioni di euro per assumere gli amici e i parenti. D'Anna ha poi proseguito indicando altri sprechi, la nuova sede amministrativa di Pesaro costa 13 mila euro al mese, è di proprietà dell'Arcivescovo. Secondo D'Anna la scelta vincente è quella di mantenere gli attuali ospedali e di fare viaggiare i medici, non c'è bisogno di nuove strutture. Bisogna contrastare il fatto che i servizi vanno verso la costa, la città metropolitana (Pesaro-Fano) diventerà un mostro. Nella discussione tra gli altri sono intervenuti: Perlini Sandro che ha detto che del distretto di Montecchio non si era parlato e ha chiesto quale era la prospettiva. D'Anna ha precisato che il Piano Sanitario non parla del Distretto ma il Potes di Montecchio resta attivo sulle 12 ore. Il Consigliere Regionale ha invitato i Consiglieri Comunali del PDL a preparare una mozione coinvolgendo anche i sindaci, da parte mia chiederò di far restare tutti i presidi sul territorio. Altri interventi si sono soffermati sui ritardi e sui costi, sul raddoppio dei turni dei medici e sulla TAC. Il Signor Giuliani qualificatosi come rappresentante della Lega, ha illustrato una proposta, della Lega appunto, basata su 4 Ospedali provinciali. Sul Distretto di Montecchio ha affermato che non ci sono più medici qualificati e le attrezzature sono obsolete e che gli utenti sono abbandonati, c'è uno spreco totale, chi non ha voglia di lavorare deve andare a casa. Oltre alla scarsa voglia di lavorare i medici sono anche maleducati.

Fonte:
 

Torna alle news della categoria "homepage"
Torna alla pagina delle news

Siti Web personalizzati di Euweb.it