WebMail

19 Ottobre 2018 - 15:43

home cronaca sport sport g. giornali economia cultura messaggi links
Google
23/04/2016 homepage  
Unione dei Comuni Pian del Bruscolo:
incontro con David Maria Sassoli,
Vice Presidente del Parlamento Europeo


Ieri sera, 22.04.2016, alle ore 20,30 nella Sala del Consiglio dell’Unione dei Comuni Pian del Bruscolo, si è tenuto un incontro con il Vice Presidente del Parlamento Europeo, David Maria Sassoli per conoscere ed imparare ad utilizzare le nuove opportunità dei Fondi Europei 2014-2020.
All’incontro, organizzato dall’Unione dei Comuni Pian del Bruscolo e dal Comune di Pesaro, hanno preso parte il Sindaco della Città di Vallefoglia e Presidente dell’Unione Sen. Palmiro Ucchielli, Marco Scriboni in sostituzione dell’Assessore alla ricerca finanziamenti comunitari del Comune di Pesaro Antonello delle Noci e numerosi sindaci dei paesi limitrofi. Fra il pubblico presente anche assessori, ex amministratori, forze dell’ordine e semplici cittadini interessati all’argomento.
L’incontro è stato aperto dal Sindaco Ucchielli che ha posto in evidenza il fatto che di fronte alla crisi che ancora fa sentire i suoi effetti nella nostra vallata, è necessario guardare alle possibilità che i fondi europei concedono alle amministrazioni locali acquisendo quella capacità di programmare il futuro. I diversi settori, da quello industriale a quello agricolo, da quello ambientale e storico a quello turistico devono essere in grado di cogliere l’occasione che si presenta, riuscendo ad accedere ai finanziamenti europei.
Gli stessi concetti sono stati poi ribaditi dal Dott. Marco Scriboni che ha illustrato quanto fatto e quanto si sta facendo nel Comune di Pesaro per la ricerca e lo sfruttamento dei fondi europei ai quali possono e devono accedere i Comuni della valle del Foglia e di tutta la provincia.
Infine il Vice Presidente del Parlamento Europeo, David Maria Sassoli, ha tenuto un discorso molto partecipato ed efficace sulle prospettive future dell’Europa. Ha messo in evidenza il fatto che, se da una parte l’Europa deve essere un obiettivo indispensabile al quale non si può rinunciare perché, per la prima volta nella storia, essa è stata in grado di assicurare un lungo periodo di pace e prosperità, dall’altra è evidente il fatto che la mancanza di una unità politica, alimenta l’antieuropeismo, il populismo e la demagogia che potrebbero far crollare la casa europea realizzata con tanta fatica.
Di fronte alle nuove sfide ( guerre fratricide in Nazioni vicine, terrorismo islamico, immigrazione massiccia, sfide economiche e commerciali, ecc.) l’Europa deve cambiare marcia, deve diventare un soggetto politico che abbia la capacità di far sentire la sua voce sia ai componenti l’Unione europea, sia alle nazioni con le quali mantiene rapporti politici ed economici.
Per quanto riguarda invece la possibilità di accedere ai finanziamenti europei, è necessario che l’Italia abbia una visione strategica, abbia degli obiettivi chiari e riconosciuti da tutti come fondamentali per il futuro del paese e quindi non accedere ai finanziamenti europei a pioggia, ma finalizzati a quegli obiettivi prefissati. In una parola è necessario imparare a fare “ sistema Italia” ragionare cioè in modo tale che, alla fine di una discussione anche serrata su una determinata questione, tutte le forze politiche in campo raggiungano un punto d’incontro che valga per tutti al fine di difendere gli interessi dell’Italia.
Insieme a quei paesi che credono negli stessi principi e valori, è giunto il momento di cambiare l’ordinamento istituzionale europeo attuale, per far nascere finalmente gli Stati Uniti d’Europa (con un Parlamento, un Governo e un Presidente) che abbiano tutte le carte in regola per far valere le proprie convinzioni nel consesso internazionale sempre più complicato e difficile.
Vedi foto in Photo Album

Fonte:
 

Torna alle news della categoria "homepage"
Torna alla pagina delle news

Siti Web personalizzati di Euweb.it