WebMail

20 Agosto 2018 - 20:22

home cronaca sport sport g. giornali economia cultura messaggi links
Google
28/05/2016 homepage  
Città di Vallefoglia:
evoluzione e attuazione delle scelte urbanistiche
del P.R.G. del 1971 (Piano Intercomunale)


Ieri sera, alle ore 20,30 nella Sala conferenze dell’Hotel Blu Arena in Via Giacometti 2 a Montecchio, come abbiamo annunciato, si è tenuto il primo di alcuni incontri pubblici che l’Amministrazione comunale di Vallefoglia intende tenere. Il tema di fondo di questa iniziativa ha come titolo Dal Piano Intercomunale degli anni 70 alla nuova pianificazione di Vallefoglia.

In altre parole dopo la fusione dei comuni di Sant’Angelo in Lizzola e Colbordolo, da cui è nato il nuovo Comune di Vallefoglia, gli attuali amministratori non possono operare su due PRG diversificati e quindi devono provvedere ad adottarne uno unico che valga per tutto il territorio comunale.
Al tavolo degli oratori il Sindaco Sen. Palmiro Ucchielli, l’Assessore alla Pianificazione Arch. Stefano Gattoni, l’ex Sindaco di Pesaro Sen. Giorgio Tornati, l’ex direttore dell’Associazione Intercomunale Pesarese Dott. Roberto Petrucci e il Progettista del P.R.G. del 1999 Arch. Giuseppe Vecchi.

All’incontro, oltre agli assessori del Comune, sono presenti numerosi tecnici degli studi professionali interessati al tema trattato, ma anche semplici cittadini e rappresentanti dei partiti locali.

I lavori sono introdotti dal Sindaco Ucchielli che, dopo i necessari saluti, spiega i motivi di questa iniziativa legata, chiaramente, alla nuova situazione intervenuta dopo la fusione dei due comuni. Si tratta di progettare lo sviluppo di una realtà al centro della bassa Val del Foglia, in posizione strategica tra Pesaro, Urbino e la Romagna. Per questi motivi l’amministrazione intende organizzare una serie di tre incontri finalizzati ad arricchire le proprie conoscenze tramite la collaborazione di chi vive e lavora sul territorio e di tecnici urbanisti per definire criticità, esigenze e bisogni.
Essendo una materia particolarmente delicata e che influirà sul futuro sviluppo, l’amministrazione ha come punto di partenza e di riferimento il Piano Intercomunale degli anni ’70 che era stato uno dei primi in Italia ad essere impostato su un piano sovracomunale con l’obiettivo di decentrare lo sviluppo industriale, economico e sociale nella vallata del fiume Foglia. L’intuizione di allora e una politica basata sulla collaborazione e sulla solidarietà ha portato allo sviluppo della vallata nella quale ci troviamo.

L’Assessore Gattoni, attraverso alcune immagini, illustra il cambiamento economico e sociale avvenuto in questi anni, dimostrando che il PRG Intercomunale del 1971 aveva ragion d’essere e che l’intuizione, una delle poche allora in Italia, ha dato i suoi frutti nel corso degli anni. Ora si tratta di riprendere in mano quelle stesse motivazioni per progettare il futuro non solo della Città di Vallefoglia, ma anche di tutta l’Unione dei Comuni. Lo sguardo della città di Vallefoglia, però, non può limitarsi solamente al proprio territorio, ma deve confrontarsi e collaborare con gli altri comuni limitrofi dell’Unione , ma anche verso il mare con Pesaro, Gabicce, Gradara e Mombaroccio e verso monte con Petriano e Montecalvo in modo tale che la pianificazione del territorio sia il più omogenea possibile.
Si tratta di analizzare il PRG in base alle attuali aree industriali da recuperare, al risanamento del fiume Foglia, al recupero delle aree abitative evitando così di utilizzare altre aree agricole, alla salvaguardia dell’ambiente e del paesaggio, ad una prospettiva anche turistica tenuto conto delle eccellenze storiche e eno-gastronomiche. E’ necessario pensare tutti insieme alle infrastrutture da realizzare, alla viabilità, alle normative urbanistiche e ai regolamenti che si vogliono adottare.
L’intervento del Sen. Tornati, uno dei principali artefici del P.R.G. Intercomunale pensato sin dagli anni ‘60, pone l’accento proprio sulle motivazioni che spinsero l’Amministrazione comunale di Pesaro degli anni ’60 ad adottare un nuovo tipo di PRG, mettendo in evidenza le difficoltà, gli scontri politici, lo scetticismo di tanti, ma anche la ferma volontà di andare avanti, perché si trattava di una idea valida e che avrebbe dato i suoi frutti nel lungo periodo.

Anche l’Arch. Vecchi, ripercorrendo la sua esperienza professionale, ricorda la sua meraviglia nel vedere che a Pesaro in quegli anni era stato adottato un PRG Intercomunale mentre in altre realtà, ben più grandi ed organizzate, le stesse progettualità erano fallite clamorosamente. Ritiene anch’egli che il nuovo PRG deve avere un respiro ampio che coinvolga l’intera comunità della valle.

A suffragare la bontà delle idee espresse interviene il Dott. Petrucci che, attraverso alcune diapositive, mette in evidenza il fatto che nelle Marche, diversamente da altre realtà in cui i piccoli borghi e paesi vengono assorbiti dalla grandi città, si stanno formando aree autonome dalle cosiddette polis e quindi la pianificazione del territorio diventa determinante per il futuro di tali realtà.

Dopo alcuni interventi da parte del pubblico presente, il Sindaco Ucchielli chiude l’assemblea invitando i presenti ai prossimi appuntamenti di giugno e luglio.
Vedi foto in Photo Album

Fonte:
 

Torna alle news della categoria "homepage"
Torna alla pagina delle news

Siti Web personalizzati di Euweb.it