WebMail

21 Luglio 2018 - 11:35

home cronaca sport sport g. giornali economia cultura messaggi links
Google
25/04/2017 homepage  
Montecchio
72° Anniversario della Liberazione

Bella e commovente commemorazione del 72° Anniversario della Liberazione questa mattina presso il Cimitero di Guerra a Montecchio.
La manifestazione, organizzata dall’Unione dei Comuni Pian del Bruscolo ha visto la partecipazione di numerose delegazioni civili e militari, del Vice Prefetto di Pesaro e Urbino, oltre ai sindaci dei Comuni di Montebaroccio, Montelabbate e Vallefoglia.
L’intera mattinata, dedicata alle celebrazioni, è iniziata alle 09,00 con la deposizione di una corona d’alloro al Monumento ai Caduti Canadesi Quota 204.
Alle 10,00 tutti i partecipanti si sono ritrovati nel piazzale del Blu Arena Hotel, dove si è costituito il corteo delle Rappresentanze militari e civili che, accompagnato dai Corpi Bandistici “G.Santi” di Colbordolo e “G.Rossini” di Montelabbate, si è trasferito al Cimitero di Guerra. Qui, il Picchetto d’onore del 28° Reggimento “Pavia” ha accolto le autorità e i cittadini dando così inizio alla cerimonia.
Dopo la deposizione di una corona d’alloro al Sacrario dei Caduti e dopo la benedizione impartita da Don Hugo Garcia Olivares, della Parrocchia San Michele Arcangelo di Talacchio, la cerimonia è continuata con l’esecuzione degli Inni nazionali italiano, canadese, inglese e di quello europeo.
Successivamente il Vice Sindaco di Tavullia Alessandro Pieri ha salutato e ringraziato tutti i presenti per poi cedere la parola ai diversi oratori che hanno commemorato la ricorrenza. Dopo gli interventi del Sindaco di Montelabbate Cinzia Ferri, del Sen. Palmiro Ucchielli, Presidente dell’Unione dei Comuni di Pian del Bruscolo e Sindaco di Vallefoglia, Davide Ciaroni, Presidente dell’Associazione Reduci e Combattenti della Provincia di Pesaro e Urbino, ha preso la parola la Senatrice Camilla Fabbri , Presidente della Commissione di inchiesta sugli infortuni sul lavoro, che ha concluso la manifestazione.
Tutti, indistintamente, hanno messo in evidenza l’importanza del ricordare gli avvenimenti di quel lontano passato che ha visto il sacrificio di migliaia di donne, militari, partigiani e giovani di tutto il mondo venuti a morire nel nostro territorio per far prevalere gli ideali di libertà e democrazia contro la tirannide. Di fronte alle guerre che ancora insanguinano le varie parti del mondo, agli atti di terrorismo, agli egoismi nazionalistici, alle politiche di chiusura e di sopraffazione, è necessario anche oggi far prevalere gli stessi ideali, la stessa solidarietà e disponibilità ad aiutare coloro che si trovano in difficoltà. La libertà e la democrazia, che abbiamo ricevuto in eredità da tutti coloro che hanno preferito morire pur di riconquistarle, vanno difese giorno per giorno con l’impegno e con la partecipazione.

Vedi foto in Photo Album

Fonte:
 

Torna alle news della categoria "homepage"
Torna alla pagina delle news

Siti Web personalizzati di Euweb.it