WebMail

18 Ottobre 2018 - 19:57

home cronaca sport sport g. giornali economia cultura messaggi links
Google
20/09/2018 homepage  
Città di Vallefoglia:
una camminata nel parco letterario di Perticari

COMUNICATO STAMPA


DOMENICA 23 SETTEMBRE a SANT’ANGELO IN LIZZOLA dalle ore 17.00 si svolgerà un walkscape – una camminata per conoscere il territorio.
L’evento è gratuito. L’appuntamento è davanti alla chiesa di Sant’Egidio in via Roma, ma molto meglio prenotare mandando anche solo un messaggio al 3498062441 oppure su fb pagine di etra.entra nell’arte oppure I walkscape di etra.
Il tema è IL TERRITORIO TRA PESARO E SANT’ANGELO IN LIZZOLA CON GLI OCCHI DI GIULIO PERTICARI.
L’assessorato alla cultura della Città di Vallefoglia ha sostenuto il progetto della associazione etra.entra nell’arte. Educazione museale che si è a sua volta avvalsa della preziosa collaborazione della famiglia Cacciaguerra Perticari. L’idea è di sottolineare come il paesaggio tra Pesaro e Sant’Angelo vada riletto oggi con un filo di continuità che ovviamente è stato interrotto dalla costruzione di strade, case, capannoni industriali, ma che è vivo nella storia e nella memoria culturale del territorio.
La passeggiata non è finalizzata soltanto a riscoprire luoghi pieni di fascino e di memoria del piccolo paese, ma di leggere i segni che raccontano di una storia che lega fortemente luoghi apparentemente distanti. Per questo tutto il walkscape è costruito in modo speculare con continui rimandi tra Pesaro e Sant’Angelo in Lizzola.
La famiglia Perticari viveva in un palazzo a Pesaro nell’attuale corso XI Settembre , ma aveva a Sant’Angelo una casa per il riposo ed il diletto. Entrambe le case erano aperte ad amici e conoscenti: tutti protagonisti della letteratura, della musica, del teatro del tempo– Leopardi, Stendhal, Monti, Rossini - che venivano attratti dalla fama di Giulio Perticari e di sua moglia Costanza Monti. La casa era il luogo di incontro e di scambio, dove esercitavano la passione per il teatro, per la lettura ad alta voce e per la musica.
Il circolo di intellettuali ed artisti intorno ai Perticari contribuì a cambiare il volto della città di Pesaro, per esempio con la costruzione del nuovo teatro, portando la piccola cittadina all’attenzione nazionale. La vita privata, la cultura vissuta come passatempo con pochi intimi, diventa un esercizio civile, che offre ai cittadini l’occasione di avvicinarsi alla cultura e di elevare il proprio spirito. Esempi eccellenti: il Teatro Nuovo e gli Orti Giulii, un luogo di cultura aperto a tutti e un giardino pubblico tra i primi ad essere realizzati in Italia.
Segni che richiamano alla memoria Perticari ce ne sono tanti in giro per Pesaro: la statua nella facciata dell ‘ ufficio postale in piazza del Popolo, la scuola che ora è il liceo artistico, la casa Perticari tutta chiusa dalle impalcature in corso XI settembre, gli Orti Giulii…Però la memoria non è così viva come dovrebbe e soprattutto il valore culturale e civile che Pesaro deve a tutta la famiglia.
Come sempre, i walkscapes mirano a divulgare il patrimonio culturale a tutti, a scoprire luoghi non sempre visibili, ma ancor più a mettere in relazione elementi apparentemente distanti, luoghi che sembrano non avere relazioni tra loro. Pesaro e Sant’Angelo, con gli occhi di Giulio Perticari, diventano un territorio unitario e di grande attualità per i valori che esprime.
Un percorso molto simile a quello che ha visto collegare Fermignano a Pesaro sotto il segno di Torquato Tasso e realizzato due settimane fa.
Questo il concept dato sempre da Roberto Vecchiarelli alle camminate e il filo della narrazione di chi li conduce, in questo caso Antonella Micaletti.
Tutto il percorso sarà pubblicato come sempre su www.almaloci.com grazie al lavoro del’Ing. Settimio Perlini e sarà dunque disponibile gratuitamente per chiunque voglia farlo in momenti diversi da quelli organizzati dall’associazione: ci sono le tappe georeferenziate e ci sono didascalie, foto, immagini dei documenti, a volte anche prezioso patrimonio di archivi pubblici, come quello della Biblioteca Oliveriana e privati, in questo caso della famiglia dei Conti Cacciaguerra Periticari.
La tecnologia aiuta anche nel lavoro di divulgazione culturale quando, come in questo caso, permette di vedere sul proprio dispositivo (smartphone o tablet o computer di casa) luoghi spesso chiusi come la chiesa di Sant’Egidio, che dopo il walkscape sarà visibile su www.almaloci.com con una visione a 360 gradi: quindi sarà un po’ come entrare dentro anche quando non sarà possibile.

Fonte:
 

Torna alle news della categoria "homepage"
Torna alla pagina delle news

Siti Web personalizzati di Euweb.it